Comunicazione one-to-one

 

Perché il consumatore è diventato infedele?

Negli anni Ottanta dominava un incrollabile ottimismo circa la capacità delle aziende di conoscere il proprio «target». Si credeva cioè nella possibilità di costruire gruppi di consumatori, i segmenti, applicando macro semplificazioni sulla base di variabili per lo più socio-demografiche, come sesso, età o area geografica. Questa prospettiva vedeva il consumatore non come individuo, ma come un insieme indefinito di soggetti con esigenze simili.

I cambiamenti sociali,  la crisi economica e la perdita di riferimenti degli anni successivi ha messo in crisi questa visione, rendendola inadeguata a cogliere, e raccogliere, le esigenze di un pubblico sempre più sfuggente, inconoscibile e  infedele. Non più target, quindi, ma individui e non più (o non solo) prodotti da vendere, ma anche contatti personali da instaurare. Era la nascita del marketing relazionale, basato su uno scambio one-to-one: l’azienda intercetta le esigenze individuali e parla a ciascuna persona.

 

La tecnologia è quasi tutto

Sia dalla parte del consumatore che delle aziende, il passaggio dalla comunicazione massiva a quella individuale è stato innescato, e reso possibile, dalla tecnologia: solo grazie ad essa ogni occasione di contatto, ad esempio il click su un ipertesto, diventa:

  • per l’utente, un modo efficiente per ricevere solo servizi, prodotti, o informazioni che realmente si desiderano;
  • per l’azienda, un’opportunità di apprendimento, per affinare la conoscenza del cliente e mettere a segno iniziative personalizzate.

Ai nostri clienti proponiamo un percorso circolare a tre fasi: un volano che si nutre e cresce grazie ai continui feedback dei visitatori, permettendo una interazione sempre più sofisticata. In sostanza, impariamo dal comportamento dell'utente per proporgli la soluzione che lo trasformerà in un cliente.

 

Conoscere

Attraverso una newsletter-esca, o semplicemente monitorando gli accessi al tuo sito web, recepiamo nel crm informazioni vitali su ciascuno dei tuoi visitatori, ad esempio il percorso di navigazione, il flusso di comportamento, le pagine visitate e le interazioni.

 

Comunicare

Ne sappiamo già abbastanza per colpire nel segno, con modalità differenti. Possiamo:

► inviare mailing e newsletter incentrate sul prodotto, servizio o contenuto di interesse;

►creare tanti siti personali quanti sono i visitatori, attraverso piattaforme che si autocompongono dei contenuti di interesse;

► realizzare campagne display attraverso Google o i principali social network

Qualsiasi azione tu decida, essa produrrà dati e informazioni sempre più dettagliate sul tuo target, cioè quanto ti serve per crescere.

 

Crescere

Il crescente livello di profilazione dell'audience ha un valore inestimabile per la tua azienda. Ti serve non solo per far crescere il tuo business on line, ma anche per migliorare prodotti e servizi. Ogni azione si trasforma in informazione da spendere non solo nel mondo virtuale, ma anche quando i tuoi venditori incontreranno di persona i clienti, in un'ottica di multicanalità.

 

Parla con noi