Home 9 In evidenza 9 Gestionale 9 Un supereroe di piattaforma

Un supereroe di piattaforma

I server IBM Power i e il loro ambiente operativo integrato rappresentano il punto di arrivo di un’evoluzione ininterrotta, seguita al loro pioneristico lancio nel 1988. Oggi Power i è utilizzato da oltre 150.000 aziende di tutte le dimensioni in 115 Paesi nel mondo. Anche noi l’abbiamo scelta per i nostri clienti.

E per ottimi motivi.

Molto del successo di IBM Power i si deve alla sua piattaforma, riconosciuta da diverse analisi indipendenti tra le più sicure e resistenti al mondo. La piattaforma di un sistema rappresenta il suo substrato più profondo, ciò che forma, insieme all’hardware, il cosiddetto ambiente operativo, ed è il garante della sua efficienza. Pensa a lei come al DNA di un essere vivente: in entrambi i casi il codice, genetico o di programmazione, determina la robustezza e la resistenza alle malattie cui l’organismo sarà esposto.

Aggiungiamo che, in quest’epoca di crescente interconnessione e dipendenza dalla tecnologia, una delle prime priorità aziendali è la continuità operativa: IBM i ha consolidato nel tempo la propria reputazione di sistema aziendale robusto e affidabile, persino in condizioni ambientali critiche.

Non ultimo, abbiamo scelto Power i per la sua vocazione, fortemente radicata nel mercato delle Piccole e Medie Imprese, che rappresentano il 70% di tutti gli utenti.

Questo significa poter offrire ai nostri clienti non solo efficienza e innovatività, ma anche soluzioni sostenibili dal punto di vista economico.

Tre curiosità che alimentano la leggenda.

  1. Nel 1993, Bill Gates disse che l’unica divisione di IBM alla quale sarebbe stato interessato era AS400. A quel tempo, tutti i sistemi finanziari e commerciali di Microsoft giravano proprio su quella piattaforma, che sarebbe stata successivamente (e più volte) “rebrandizzata”, fino all’attuale Power i;
  2. Un’alluvione in Australia provocò nel 2011 enormi danni al sistema informatico di un grande magazzino di mobili, al punto che si videro server IBM i Series galleggiare nel torrente in piena. Una volta recuperati, si scoprì che erano ancora in buone condizioni;
  3. Ad oggi, molte delle corporation incluse in Fortune 500 utilizzano IBM i perché altre soluzioni “non garantirebbero lo stesso grado di efficienza e affidabilità”.

Vantaggioso, resiliente, sicuro, specializzato

Ovvero, quattro parole che riassumono il senso della nostra scelta.

  • Il 94% dei clienti IBM riscontra una riduzione del costo totale di proprietà (TCO) rispetto agli ambienti Windows;
  • Sistema aziendale in grado di funzionare «sempre e comunque», garantendo un accesso ai dati affidabile e continuo;
  • IBM i è dotato di una particolare architettura “ad oggetti” impenetrabile per i virus mascherati da file.
  • E’stato specificatamente progettato per carichi di lavoro gestionali, ad esempio il magazzino.

La parola a Mr i

Se non ti abbiamo ancora convinto, prenditi due minuti per guardare questo video. Il supereroe Mr i ti mostrerà le prodezze che ha realizzato per aziende come la tua.

Le avventure di Mr i e i benefici per le aziende

https://www.youtube.com/watch?v=RV-2NmVguQQ

CATEGORIE

ULTIME NOTIZIE

Business Intelligence -> Dall’informazione alla conoscenza

Le aziende che desiderano essere data driven devono per prima cosa rendere accessibile e fruibile il loro patrimonio di numeri ad ogni funzione aziendale. I sistemi di supporto decisionale, come la Business Intelligence, abilitano un accesso al dato semplice e diretto.

La Storia raccontata dai numeri

L’ingegnere civile Charles Joseph Minard passò alla Storia quale pioniere delle visualizzazioni grafiche di dati, realizzando una mappa tematica della Campagna di Russia. Ancora oggi, è considerato l’antesignano della Business Intelligence.

Manutenzione dei cataloghi? Ci pensiamo noi.

La tua azienda gestisce centinaia di migliaia di referenze, e ti servirebbe un intero team dedicato per aggiornarle. Scopri le nostre soluzioni per l’aggiornamento automatico dei listini e dei cataloghi..

CONDIVIDI

Articoli correlati